Come accedere al conto termico per l'acquisto di stufe, caldaie e pannelli solari

11 marzo 2016

Il cosiddetto  “Conto Energia Termico” (entrato in vigore con la legge del 28 Dicembre 2012) prevede un contributo pari al 65% dell'importo speso in denaro per l’acquisto di stufe, termocamini e caldaie che abbiano particolari requisiti e che migliorino impianti di riscaldamento già esistenti.

Possono beneficiare dell’incentivo sia le amministrazioni pubbliche che i privati, per quest’ultimi si intendono tutte quelle persone fisiche,  titolari di reddito che godono del diritto di proprietà dell’edificio o dell’immobile.

L’incentivo viene calcolato in base alla potenza del prodotto, alla fascia climatica e alle prestazioni ambientali.

Per accedere al contributo occorre rimuovere un vecchio generatore di calore a gasolio, legna o metano e istallarne uno nuovo a pellet o legna che possa assicurare un minor consumo di energia e un alto rendimento.  

Un prodotto per rientrare nel conto termico deve garantire un risparmio costante nel tempo e deve rispondere a specifiche qualità come un alto rendimento e bassi livelli di emissioni in atmosfera. Un prodotto che consuma un combustibile di buona qualità e sia sottoposto ad una corretta manutenzione assicura il rispetto dell’ambiente.

L’incentivo rappresenta dunque un vantaggio economico che mira a premiare il risparmio energetico favorendo dei tagli ai costi di gestione del riscaldamento.

Si tratta di un aiuto alle spese sostenute e viene erogato in rate uguali su conto corrente, per una durata variabile, a secondo degli interventi realizzati.

Il GSE ( Gestore dei Servizi Energetici ) è il soggetto che si occupa del meccanismo di incentivazione e propone una modulistica semplice per facilitare la presentazione dalla domanda. Quest’ ultima deve indicare in modo chiaro il tipo di intervento effettuato e la spesa totale necessaria alla realizzazione del progetto. Il GSE eroga il contributo dopo aver ricevuto la comunicazione di inizio lavoro da parte del soggetto responsabile e richiede in allegato la fattura che dimostri la consegna del materiale.


ESEMPIO: acquistando una stufa a pallet Martina idro 15kw Palazzetti al costo di €2.682,00  (seguendo l'iter previsto dal gse) l'importo erogato tramite assegno sarà pari a €1538,00 (la zona climatica utilizzata per l'esempio è la D).

Da Krehome il nostro team di tecnici sarà lieto di seguirvi, per far sì che la pratica venga portata avanti con successo. Per qualsiasi informazione non esitate a contattarci, saremo lieti di rispondere ai vostri quesiti in merito. 

Iscriviti alla newsletter Newsletter
Subito uno sconto del 10%